Dynamica Retail: cessionde del quinto e delega di pagamento
Numero Verde Dynamica Retail

Trasparenza Dynamica Retail


Dynamica Retail mette a disposizione dei propri clienti una serie di strumenti che rendono pienamente trasparenti le operazioni e i servizi finanziari offerti.

È la trasparenza a rendere sostenibile il nostro business!

Nuova Definizione di Default

A partire dal 1° Gennaio 2021 Dynamica Retail S.p.A. applica le nuove regole europee in materia di classificazione delle controparti inadempienti (meglio conosciuto come “default”).
La nuova disciplina, ovvero la Nuova definizione di Default, stabilisce criteri e modalità più restrittive in materia di classificazione a default rispetto a quelli finora adottati, con l’obiettivo di armonizzare la regolamentazione tra i diversi paesi dell’Unione Europea.

principali cambiamenti introdotti applicabili agli intermediari finanziari non appartenenti a gruppi bancari, prevedono che l’intermediario finanziario definisca automaticamente come inadempiente il cliente che presenta un arretrato da oltre 90 giorni, il cui importo risulti, contemporaneamente:

PER I PRIVATI E PICCOLE MEDIE IMPRESE

  • Superiore ai 100 € (la “Soglia Assoluta”)
  • sino al 31.12.2021, superiore al 5% del totale delle esposizioni verso l’intermediario;
  • successivamente al 31.12.2021, superiore all’1% del totale delle esposizioni verso l’intermediario (le “Soglie Relative”)

Regolarizzato l’arretrato e passati almeno 90 giorni da tale regolarizzazione senza che si verifichino ulteriori situazioni di arretrato o ulteriori eventi pregiudizievoli, decadrà la segnalazione di inadempienza.

Tali nuove soglie di rilevanza non modificano gli attuali criteri di valutazione ai fini della classificazione del cliente a “sofferenza” nella Centrale dei Rischi.

Trasparenza Dynamica Retail

La trasparenza dei prodotti Dynamica Retail

Al fine di garantire la piena trasparenza delle operazioni e dei servizi finanziari, Dynamica Retail mette a disposizione dei propri clienti la documentazione relativa alle informazioni pre-contrattuali (modulo “Informazioni Europee di Base sul Credito ai Consumatori” o “SECCI”) ed alla contrattualistica dei prodotti erogati direttamente dalla Società.

Dipendenti


Pensionati


Medici Convenzionati


Prestito Personale


Privacy

Il documento riporta l’informativa sul trattamento dei dati personali fornita ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 (regolamento generale sulla protezione dei dati).

Tassi di interesse effettivi globali medi

Il TEGM (Tasso Effettivo Globale Medio) viene rilevato con cadenza periodica, ogni tre mesi, dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e riporta i valori medi del mercato in riferimento a quanto previsto dalla “Legge antiusura” (Art. 2 Legge 108/96).

Reclami

Dynamica Retail ha individuato all’interno della propria organizzazione un responsabile reclami, indipendente rispetto alle funzioni aziendali preposte alla commercializzazione dei servizi offerti, per conoscere e capire meglio le esigenze dei clienti e per rispondere con efficienza e professionalità alle questioni rilevate dalla clientela. Il nostro obiettivo è la creazione di relazioni basate sulla trasparenza e la correttezza informativa attraverso il confronto con il cliente e la comprensione delle motivazioni alla base di eventuali controversie.

In caso di reclamo il cliente può rivolgersi direttamente a Dynamica Retail, anche per lettera raccomandata A/R, scrivendo a:
Dynamica Retail SpA
Ufficio Reclami
Via Guidubaldo del Monte 61
00197 Roma
Oppure inviando una mail all’indirizzo reclami@dynamicaretail.it o 
reclami.dynamicaretail@legalmail.it .

Dynamica Retail darà riscontro al reclamo inviato dal cliente entro 60 giorni dalla ricezione.
In ogni caso, qualora il cliente non fosse soddisfatto, prima di ricorrere al giudice di pace, potrà rivolgersi all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) o ad altro Organismo deputato alla risoluzione stragiudiziale delle controversie in materia bancaria, finanziaria e assicurativa.

Guide Pratiche

Guida all’Arbitro Bancario Finanziario

L’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) è un sistema di risoluzione delle controversie tra i clienti e le banche o gli altri intermediari finanziari. È detto “stragiudiziale” perché offre un’alternativa più semplice, rapida ed economica rispetto al ricorso al giudice.
L’ABF è un sistema nuovo da non confondere con la conciliazione o con l’arbitrato.
Le decisioni non sono vincolanti come quelle del giudice, ma se l’intermediario non le rispetta il suo inadempimento è reso pubblico.
Il cliente può rivolgersi all’Arbitro solo dopo aver tentato di risolvere la controversia direttamente con la banca o l’intermediario presentando ad essi un reclamo.
Se non rimane soddisfatto delle decisioni dell’Arbitro può comunque rivolgersi al giudice.

Per maggiori informazioni circa le modalità con cui rivolgersi all’Arbitro consulta il sito www.arbitrobancariofinanziario.it, chiedi presso le Filiali della Banca d’Italia oppure rivolgiti a Dynamica Retail (sezione contatti).

Il documento riporta la guida all’Arbitro Bancario Finanziario a cui il cliente può rivolgersi per capire come tutelare i propri diritti e per la definizione stragiudiziale delle controversie.

Il credito dei consumatori in parole semplici

La guida ha l’obiettivo di favorire la comprensione e l’accesso dei cittadini ad alcuni prodotti di ampia diffusione e di consentire scelte consapevoli e informate attraverso il confronto tra le diverse offerte presenti sul mercato.

La Centrale dei Rischi in parole semplici

La Guida risponde, in modo semplice e chiaro, alle domande più frequenti che gli utenti rivolgono alla Banca d’Italia sulla Centrale dei Rischi, delinea le sue caratteristiche e finalità e contribuisce a fare chiarezza sull’utilità di questa banca dati per le famiglie, le imprese e il sistema bancario e finanziario.